Monthly Archives: aprile 2017

25 aprile 2017

Torniamo qui oggi, a oltre settant’anni di distanza dal giorno della Liberazione, al giorno in cui finì l’ultima guerra combattuta in Italia a commemorare quei giorni e a ricercarne i valori.

L’anno scorso ho parlato dei valori di questa giornata parlando della vicende della mia famiglia, dei miei nonni e bisnonni; erano gente normale non impegnata politicamente, che subì l’avvento della dittatura fascista e la crescente invadenza in ogni aspetto della vita quotidiana. I racconti di famiglia hanno tramandato lo sconcerto e la disillusione di fronte alle leggi razziali che colpivano il conoscente, il vicino di casa, privandolo del lavoro, della dignità e infine addirittura della vita. E poi il racconto ricorda come la disillusione dei giovani di quegli anni lontani si incrinò sempre più diventando distacco e infine ostilità di fronte agli insuccessi militari, al contrasto tra la tracotanza della propaganda di regime e la realtà della disorganizzazione e delle disfatte. E poi la resa, l’occupazione tedesca con le crescenti violenze dell’esercito nazista e delle squadracce repubblichine. E i bombardamenti aerei, la fuga dalle città, il cibo razionato, altre violenze e soprusi.

In quel quadro nacque l’ammirazione per i nuovi eroi, per quelli che resistettero all’occupazione nazifascista e che poi traghettarono l’Italia provata dal ventennio e dalla guerra verso l’Italia dei nostri giorni, verso i suoi valori che oggi ci sembrano così ovvi, così scontati.

Ma dobbiamo ricordare che questi valori non sono poi così ovvi e scontati e qui vorrei portarmi all’attualità, ai nostri giorni.

Vorrei parlare della Turchia una nazione che è confinante alla nostra Europa delle democrazia e delle libertà. Ma è un confine che si sta alzando, che propone sempre più una lontananza che una contiguità.

Vi sono due strette attualità in questi giorni. Parlo per prima della vicenda di Gabriele Del Grande, il giornalista e blogger, detenuto per due settimane dopo essere stato arrestato mentre raccoglieva le testimonianze dei profughi al confine con la Siria. La vicenda di Del Grande ha un particolare rilievo anche perché si tratta di un giornalista che cercava, in un’area tra le più pericolose del mondo di cercare notizie, informazioni, verità. Quello che è avvenuto a Del Grande ci coinvolge, ci ha preoccupato perché è italiano; ma ben di peggio, come sappiamo, è già avvenuto a tanti altri giornalisti in Turchia, privati del lavoro, arrestati, incarcerati, condannati da quel che si capisce, genericamente per la loro lontananza politica dal presidente Recep Erdogan. Nei commenti che si sono sentiti in occasione della sua liberazione ho sentito i numeri degli arresti avvenuti in Turchia solo nell’ultima settimana: oltre un migliaio che si sono aggiunti ai tantissimi cittadini turchi già detenuti accusati di essere golpisti, o terroristi curdi o altro.

L’altra stretta attualità è il referendum che, sia pure di stretta misura e con il sospetto d’irregolarità, ha cambiato l’assetto istituzionale della Turchia, trasformandola in una repubblica ultra-presidenziale, nella quale cioè il presidente Erdogan ha poteri che secondo i parametri della nostra vita democratica si possono definire straordinari, eccezionali che vuol dire quasi dittatoriali. Va ricordato che la Turchia ha ai confini la guerra di Siria, la guerra contro il califfato, la guerra irakena, ospita milioni di profughi, ha all’interno la minoranza curda e suoi gruppi indipendentisti armati. C’è quindi una situazione che favorisce l’idea della necessità di un uomo forte al governo. All’incirca metà dei turchi l’ha approvata, l’altra metà invece voleva respingerla.

L’idea di uomo forte, la riduzione degli spazi di libertà, la rinuncia alle conquiste della democrazia: questi sono gli spunti che vedo nella situazione della Turchia, una nazione che fa parte come l’Italia della Nato e che fino ad alcuni anni fa sembrava incamminato verso un cammino democratico e di integrazione con l’Unione Europea.

La Turchia è una nazione che negli anni è sembrata a volte a noi vicina (una faccia una razza è un detto che accomunava noi italiani soprattutto ai greci ma anche ai turchi) e a volte, come in questi giorni, assai lontana. Ma da lì ci arriva un insegnamento. Anche qui in Italia di fronte alle emergenze, il pericolo del terrorismo islamico, all’emergenza dell’immigrazione, all’emergenza economica c’è sempre chi invoca il governo forte, la riduzione degli spazi della democrazia e c’è chi lo fa denigrando la Resistenza, criticandone il significato ed i valori.

Io penso che di quei valori dobbiamo continuare a parlare; soprattutto dobbiamo ricordare alle più giovani generazioni quanto è costato alla generazione dei miei nonni e bisnonni comprendere quanto fossero importanti, quanto difficile fosse conquistarli, viverli, difenderli.

Viva la Resistenza, viva la libertà!

Faceva andar la gru, perciò era un gruista

Sto approfondendo il motivo della protesta di un gruppo di lavoratori che da questa mattina sono saliti in cima a una gru. Naturalmente spero che questa spiacevole situazione si risolva il prima possibile in modo positivo e che gli operai scendano autonomamente. Come Amministrazione comunale faremo di tutto affinché i lavoratori siano tutelati e ricevano ciò che spetta loro. Segrate purtroppo continua a soffrire l’onda lunga di speculazioni edilizie degli ultimi anni, della conseguente bolla immobiliare e più in generale di una mala gestione del territorio che ha permesso tutto questo creando molteplici criticità. Oggi sono i lavoratori di via Giotto a farne le spese, ma il problema dei cantieri fantasma e delle numerose imprese edili fallite sta coinvolgendo anche tantissime famiglie segratesi che hanno acquistato casa investendo i loro risparmi in progetti edilizi che non si sono mai realizzati o che faticano ad essere portati a termine.

E’ per questo che il nostro nuovo PGT prevede il blocco di ulteriori costruzioni e la salvaguardia di ciò che resta di territorio non urbanizzato, nel tentativo anche di evitare ulteriori fallimenti e crisi come quella a cui stiamo assistendo da questa mattina. Non è questione di essere ambientalisti o no, ma di agire con il buonsenso. Il lavoro fatto per riprogettare la Segrate del futuro col nuovo PGT è stato notevole e faticoso, sopratutto perché per la prima volta nella storia cittadina è stato ampiamente condiviso e partecipato da tutte le forze politiche in gioco e dai cittadini. I benefici saranno a medio lungo termine e i nostri figli potranno continuare a vivere in una città a maggioranza verde.

Chiarezza sulle tariffe degli asili nido comunali

Basta con le strumentalizzazioni e gli allarmismi, facciamo chiarezza sulle nuove tariffe degli asili nido comunali. Il costo dei nidi tra quelli dei Servizi a domanda individuale (mense scolastiche, trasporti, ecc) NON si basa si basa sul reddito, ma sulle fasce ISEE. Cos’è l’ISEE? E’ un indicatore che valuta la situazione economica dei nuclei familiari che intendono richiedere una prestazione sociale agevolata. L’ISEE quindi solo in parte ha a che fare con il reddito da lavoro che tutti conosciamo, ovvero l’ammontare annuo dei nostri guadagni. Un ISEE di 33.000 euro non equivale affatto a un reddito di 33.000 euro. Sul calcolo ISEE intervengono infatti molteplici fattori. Quali? E’ calcolato sulla base dei redditi da lavoro di tutti i componenti famigliari, sul patrimonio mobiliare e immobiliare (se si paga un mutuo, un affitto), sullo stato dei conti correnti e sulle caratteristiche del nucleo familiare: numero di figli a carico ed eventuali disabilità, ecc. Insomma, l’ISEE fotografa la condizione economica di una famiglia in modo certo. Per calcolarlo ci si può rivolgere gratuitamente a un qualsiasi Centro di Assistenza Fiscale. L’invito, quindi, che rivolgo a tutti coloro che devono iscrivere un figlio al nido o devono pagare un Servizio a domanda individuale, è di fare l’ISEE, altrimenti si verrà inseriti automaticamente nella fascia più alta delle tariffe e allora sì che potrebbero presentarsi problemi. Una procedura che, ad esempio, tutti gli studenti fanno ogni anno per iscriversi all’Università.

Quasi tutte le rette rimangono invariate e spesso più basse dei comuni a noi vicini, mentre le fasce ISEE più ricche hanno subito un aumento che le allinea comunque ai costi dei Comuni vicini, rimanendo in alcuni casi anche più basse. Quindi niente politiche folli e draconiane fuori dal mondo. Quest’anno abbiamo introdotto una nuova fascia ISEE da 33.000,01 euro a 45.000,00 per puntualizzare ancora di più la tariffazione e aumentarne l’equità. Attualmente le fasce ISEE sono 13. Gli aumenti coinvolgono SOLO le ultime due fasce ISEE, la 12^ e la 13^, ovvero coloro che hanno un ISEE superiore a 33.000,01 euro. Ripeto reddito ISEE. Abbiamo quindi difeso i redditi più bassi: per tutte le altre 11 fasce ISEE le tariffe e gli eventuali sconti per frequenze part-time e per fratelli restano INVARIATE. Sento dire: “Ma allora conviene più il nido privato“. Probabilmente per chi ha un reddito ISEE maggiore di 45.000 euro. Però è bene ribadire anche un altro concetto: tutti i cittadini di Segrate (anche chi non ha figli) concorrono pagando le tasse alla spesa dei nidi comunali e più in generale alla spesa di tutti i Servizi a domanda individuale, perché le rette non coprono l’intero costo del servizio che viene pagato in toto dal Comune. Quindi in linea di principio è corretto che chi ha le possibilità economiche per farlo, finanzi il servizio senza pesare sulla collettività (così come chi decide di iscrivere i propri figli nei nidi di Segrate ma risiede in una altra città). Ognuno poi è libero di fare le proprie valutazioni economiche, mettendo sul piatto anche il fatto che la qualità dei nostri nidi pubblici è eccellente.

Arriviamo al perché dell’aumento. Lo abbiamo raccontato in diverse occasioni e incontri pubblici e lo ribadisco ancora una volta: abbiamo ereditato una situazione finanziaria del Comune disastrosa che mai avremmo pensato di trovare. Stiamo cercando di evitare il dissesto, che avrebbe conseguenze molto serie per la città, chiedendo alla Corte dei Conti di dilazionare i quasi 17 milioni di euro di debiti lasciati dalle precedenti amministrazioni. Una manovra che abbiamo avviato con spirito di servizio, assumendoci comunque responsabilità che NON SONO NOSTRE, con drastici tagli della spesa, riorganizzazioni dei servizi e, ahinoi, con aumenti delle imposte che solo un pazzo proporrebbe se non fosse costretto. Si sarebbe potuto fare in altro modo? No. E i tanti presunti maghi che oggi raccontano il contrario dichiarando che siamo noi gli incapaci, sono gli stessi che hanno infilato Segrate e i segratesi in questa drammatica situazione. Noi agiremo diversamente, lasceremo a chi verrà dopo di noi i conti in ordine, garantendo loro la possibilità di attuare le politiche promesse ai cittadini.

Mi raccomando, richiedete tutti l’ISEE per tempo, è gratuito e vi eviterà spese non necessarie.

 Scroll to top