Facciano pure

 

Sono state giornate di minacce.

Mi hanno scritto 14 esponenti della precedente maggioranza, quella che amministrò Segrate fino a giugno 2015. Si dichiarano amaramente sorpresi per il fatto che li ho chiamati in causa per i debiti fuori bilancio che una indagine interna ha recentemente fatto emergere. Sostengono che queste irregolarità contabili, avvenute a partire dal 2010, sono in realtà colpa dell’attuale amministrazione che è in carica da un anno e mezzo. Se entro dopodomani non provvederò a rettifiche e scuse sulla stampa e i social network, vengono adombrate querele e richieste di risarcimenti.

Mi ha poi scritto l’ex vicesindaco, Manuela Mongili. Chiede a me e al presidente del Consiglio Comunale di convocare il Consiglio perché i consiglieri possano ascoltare le sue precisazioni in ordine al ritiro delle deleghe e ai fatti che vi hanno dato causa. Se non accadrà, minaccia di diffondere un lungo documento dove ripercorre una serie di vicende, dalla procedura della convenzione Boffalora alla revoca del suo incarico, sottolineando in particolare il ruolo e il peso che nelle decisioni ha avuto il segretario cittadino del PD.

Risponderò alle due lettere con la dovuta cortesia e ignorerò le minacce.

Sui debiti fuori bilancio c’è una dettagliata relazione che è stata inviata alla Corte dei Conti, alla quale ho fatto seguire una mia nota assicurando piena collaborazione perché venga fatta chiarezza sui fatti e sulle responsabilità.

All’ex vicesindaco ricordo che sono sempre stato favorevole alla massima trasparenza; mi rammarico che l’avv. Mongili usi come strumento di pressione la minaccia di pubblicizzare anche il contenuto di mie conversazioni e telefonate, ma da quando ho iniziato questa avventura so perfettamente che la mia vita è un po’ meno privata e tutto quello che dico e faccio può essere portato alla conoscenza e al giudizio dei miei concittadini.

Facciano pure.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Please enter your name, email and a comment.