Mio intervento sulla Commissione speciale per i rapporti con le zone di confine

micheli regione 9 aprile 2013Consiglio Regionale. Il Gruppo Ambrosoli, con Paolo Micheli, si astiene sulla proposta di una Commissione Speciale Per i Rapporti con le zone di Confine.

“L’ipotesi di costituire questa commissione ci lascia perplessi –ha detto Paolo Micheli, intervenendo a nome del Gruppo-. In primo luogo perché l’idea ci sembra un po’ una fuga in avanti, anche rispetto ai nostri obiettivi di contenimento delle spese.

Potrebbe aver forse un senso, ma andrebbero prima verificati bene tutti gli aspetti istituzionali.  Qual è l’idea? Che tutte le regioni di confine si mettano a gestire direttamente i rapporti con Stati e Regioni confinanti.

Parlare, rapportarsi, discutere con i nostri vicini al di là del confine va benissimo. Teniamo conto però che la Giunta ha già competenze adeguate a riguardo. Conosciamo le problematiche e le difficoltà nei rapporti con le zone confinanti; ma per favore cerchiamo di non far girare a vuoto la macchina regionale e in particolare di non attivare commissioni inutilmente solo per dare qualche carica formale in più. Non è di questo che abbiamo bisogno, ma di concretezza e risultati. A ciò si aggiunga l’inutile incremento di costi della politica regionale.

Il nostro voto, per le perplessità che ho espresso, è perciò di astensione;  fino a quando non sarà chiaro che cosa si intende e si può fare non voteremo la costituzione di questa commissione che si aggiunge alle altre “speciali” già approvate.

E’ una evidente perdita di tempo, di energie e risorse: tempo, lavoro e soldi regionali e su questo non possiamo essere d’accordo. La sensibilità alla tematica la esprimiamo perciò astenendoci”.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Please enter your name, email and a comment.