Non è un insulto, è solo una buona idea.

Irene Tinagli

Irene Tinagli nel suo editoriale su La Stampa oggi punta il dito contro la spocchia dei nostri leader politici e la mancanza di ricambio generazionale: “Non importa se poi Berlusconi cambierà di nuovo idea o se il Pd farà davvero le primarie aperte dentro al partito: quello che colpisce di queste dichiarazioni è il tono e il messaggio che lanciano. E’ il modo con cui questa classe dirigente, che ci accompagna da decenni e che ci ha portato sull’orlo del disastro economico e sociale, si ripresenta di fronte ai cittadini col piglio di chi è il padrone assoluto della vita politica del Paese, e che quindi si riserva il diritto di decidere se, quando e come un rinnovamento sarà concesso“.

Brutalmente, io vorrei chiedere alle persone della generazione precedente alla  nostra: di farsi gradualmente da parte. Non è un insulto, è solo una buona idea.

Gli uomini d’onore che hanno combattuto importanti battaglie si ritirano lasciando dietro di sé i ponti intatti; su quei ponti potranno transitare nuove forze e nuovi uomini, perché è dell’uomo onorevole dedicare le proprie migliori energie a preparare la strada per la generazione che lo sostituirà.

Per ora molti uomini sono ancora lì. Purtroppo solo pochi si sono preoccupati di tenere salvi i ponti, qualcuno si è persino occupato di minarli. Per il momento non resta che ripetere: per favore, fatevi da parte. Sempre meglio che essere tolti di mezzo.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Please enter your name, email and a comment.