Nuvole scure all’orizzonte

Guardo con estrema preoccupazione a quello che è successo al Quirinale in queste ore. Chi si diceva strenuo difensore della “Costituzione più bella del mondo e quindi intoccabile” sta lavorando nel completo non rispetto della storia costituzionale della nostra democrazia. Le pressioni esterne che sta ricevendo il Presidente della Repubblica sono preoccupanti. Per fortuna Sergio Mattarella sta dimostrando un grande senso dello Stato e una prudenza da vero statista. Non si era mai visto prima un governo politico che esprime un premier tecnico, o “un professorone” come direbbe qualcuno. Un premier che peraltro non avrà alcuna libertà d’azione, in quanto è apparso sulla scena quando tutto è già stato deciso (programma, squadra di governo) e verrà deciso da altri (nomine di tutti i maggiori enti statali). Sarà un mero esecutore di ordini di forze politiche di cui lui stesso anni fa si era detto “non simpatizzante”. Preoccupa inoltre che questo nuovo fantomatico “premier del cambiamento” abbia compilato un curriculum vitae in modo tutt’altro che chiaro e professionale, fatto altamente screditante in ambienti di alto profilo accademico, a cui Conte si vanta di appartenere. Insomma, non si stanno seguendo di certo i presupposti di assoluta onestà e trasparenza con cui ci hanno bombardati in campagna elettorale.

Ma quel che più preoccupa è il futuro di questo paese che già vive un presente fragile. Cosa di buono può produrre un programma di governo che non risponde a nessuna regola scientifica, matematica ed economica? So bene di cosa parlo, dal momento che quasi tutto il mio mandato di sindaco è segnato dalla fatica di risistemare il bilancio comunale che ho ereditato, un bilancio squilibrato e ingiusto per le generazioni future, un bilancio basato sui debiti. Il mio consenso politico ne risentirà sicuramente, ma posso dire di aver agito secondo le regole di equilibrio e responsabilità: questo è il vero cambiamento. Dove sta il cambiamento invece nel programma di un governo che punta a tornare indietro di trent’anni, in quegli anni ‘80 che hanno dato inizio all’esplosione del debito pubblico di cui ancora paghiamo le conseguenze? Sia Lega che i pentastellati puntano rabbiosamente ad aumentare il debito, rispolverando quell’assistenzialismo in salsa patriottica che abbiamo già conosciuto in questo paese.

L’idea è insomma spendere ancora una montagna di soldi pubblici, per ottenere consenso immediato nel presente, lasciando il conto da pagare a chi viene dopo. Come pensare di aiutare un tossicodipendente che faticosamente da anni cerca di uscire dal tunnel, offrendogli un’altra dose per farlo stare subito meglio. L’Italia si stava finalmente rialzando, come i dati ufficiali ISTAT confermano, dopo un percorso lungo e faticoso. Perché solo con la fatica, la competenza e il lavoro duro ci si rialza. Purtroppo molti hanno invece scelto di fare dietrofront, di credere negli alberi di monete del gatto e la volpe. Nazioni come Grecia, Argentina e Venezuela ci insegnano cosa vuol dire “giocare” con il bilancio statale. Ma a quanto pare, anche la storia è un’inutile scienza da professoroni. Non ci resta che sperare fortemente che un governo guidato da curriculum discutibili, quando non completamente bianchi, si renda conto al più presto della differenza tra propaganda e realtà. Per noi, ma soprattutto per i nostri figli che in questo paese dovranno viverci ancora a lungo.

Noi saremo comunque qui con gli occhi sempre aperti, a fare una sana e forte opposizione, per difendere i valori di scienza, uguaglianza e progresso in cui crediamo. Auguro buon lavoro a Sergio Mattarella, in pochi vorrebbero essere al suo posto in questo momento. Come lui stesso ha detto: “Nemmeno Mr Wolf riuscirebbe a risolvere questi problemi”.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Please enter your name, email and a comment.