bosco

Bloccato il motocross libero, ora l’assalto è ai boschi

boschiAvevano provato a deregolamentare il motocross nelle zone campestri e di montagna. E ora che su quel fronte li abbiamo fermati, con il medesimo provvedimento tentano un assalto ai boschi.

Per questo ci prepariamo a presentare una serie di emendamenti al pdl di modifica del Testo unico delle leggi regionali in materia di agricoltura, foreste, pesca e sviluppo rurale, calendarizzato per il passaggio in Aula nella seduta di martedì prossimo.

I punti critici sono sostanzialmente due. Da un lato, con questo progetto di legge il centrodestra vuole ridefinire il concetto stesso di bosco facilitando interventi invasivi e senza compensazioni. Dall’altro, si concede ai privati di tagliare piante e arbusti in aree produttive dismesse senza alcuna necessaria distinzione tra bosco spontaneo e specie infestanti. E’ evidente come in questo modo si voglia in realtà favorire la trasformazione delle aree boschive in aree con altre destinazioni d’uso, magari più redditizie.

Questo pdl crea un discrimine netto tra chi vuole difendere il territorio e chi no. Noi stiamo dalla parte dell’ambiente, per tutelare i cittadini e la qualità della vita. E in Aula proveremo, di nuovo, a fermare il centrodestra su questa partita.

No al motocross libero sui sentieri: Patto Civico sostiene appello del Cai

trialUn appello per dire no al traffico motorizzato su sentieri e mulattiere, contro il progetto di legge sul motocross che martedì approderà in Aula. Lo ha lanciato il Cai e noi consiglieri regionali del Patto Civico lo abbiamo sottoscritto.

Questo provvedimento rappresenta il tentativo di deregolamentare il transito delle moto nelle zone campestri e di montagna, con pesanti conseguenze per sentieri e pascoli, con problemi di inquinamento ambientale e acustico e con l’evidente incompatibilità tra escursionismo e passaggio di ciclomotori.

Tutte le associazioni audite, da Legambiente al Wwf fino a Coldiretti, Fai e Federparchi, hanno criticato e smontato punto per punto il testo presentato dal centrodestra. E, paradossalmente, si è dichiarata più che dubbiosa persino la direzione generale dell’assessorato.

Anche perché il progetto introduce pure novità inaccettabili sulla definizione dei boschi, con il prevedibile rischio di un aumento del consumo di suolo.

Per questo motivo sosteniamo convintamente la petizione promossa dal Cai. E, martedì in Consiglio, proveremo a fare in modo che la maggioranza torni sui propri passi. Diversamente, voteremo contro l’ennesimo scempio inferto da questo centrodestra al nostro territorio.

Motocross libero in montagna: le audizioni bocciano PDL, maggioranza ritiri il testo

MotocrossA un Progetto di Legge partito definendo “minoritaria la corrente di pensiero che considera la circolazione motorizzata su percorsi di montagna intrinsecamente negativa” è toccato ieri in Commissione Agricoltura schiantarsi contro una lista infinita di stroncature.

Le audizioni di Legambiente, Cai, Wwf, Coldiretti, l’associazione Orobie Vive hanno smontato punto per punto il testo presentato dal centrodestra. Alle critiche si sono aggiunti anche Fai, Federparchi e, paradossalmente, persino la direzione generale dell’assessorato.

Questo progetto di legge rappresenta di fatto il tentativo di una deregolamentazione per il motocross in contrasto con qualsiasi principio di tutela del territorio. E l’emendamento Tomasi-Dotti, oltre che del tutto fuori tema, è ulteriormente inaccettabile perché pericoloso dal punto di vista del consumo di suolo.

A fronte delle sonore e autorevoli bocciature ricevute, ritengo opportuno e chiedo che il testo venga ritirato.

Motocross libero sui sentieri di montagna: il progetto va fermato

motocrossL’idea di rendere più facilmente accessibili sentieri e mulattiere, soprattutto di montagna, alle manifestazioni motociclistiche trova la netta opposizione anche del Wwf e di Coldiretti che ieri in audizione in commissione regionale hanno smontato punto per punto il testo di legge presentato dal centrodestra.

Per parte nostra, siamo assolutamente contrari a quella che di fatto è una deregolamentazione in contrasto con qualsiasi principio di tutela del territorio. Peraltro i nuovi emendamenti presentati dai consiglieri Tomasi e Dotti introducono elementi che sono del tutto fuori tema, tanto da sollevare dubbi persino da parte della Direzione regionale agricoltura. E che secondo noi possono risultare pericolosi dal punto di vista del consumo di suolo.

Questo progetto, che oltretutto non ci sembra abbia carattere di priorità a fronte di tematiche ben più urgenti, va fermato.

Un’altra idea di montagna

trialSettimana scorsa la Commissione Agricoltura ha dedicato buona parte della sua seduta ad un tema che di per sé non è di particolare rilevanza rispetto ad altri temi che giacciono indiscussi da più tempo (ad esempio, giusto per citarne uno, la proposta di riforma sul consumo di suolo), ma la cui discussione ha comunque permesso di palesare alcuni “caratteri qualificanti” del pensiero di questa maggioranza a guida leghista sui temi ambientali.

L’argomento è legato alla Proposta di Legge 124 che prevede alcune modifiche alla lr 31/2008 (Testo Unico delle leggi regionali in materia di agricoltura, pesca e sviluppo rurale), uno dei testi più emendati e riformati di questa legislatura; le modifiche proposte sono tese a rendere più accessibili i nostri boschi, pascoli, i sentieri e le mulattiere, soprattutto di montagna, alle manifestazioni motociclistiche e fuoristrada.

Vorrei fare alcune considerazioni a difesa delle obiezioni avanzate da quella, che nella relazione introduttiva della proposta, viene definita una minoritaria corrente di pensiero che considera la circolazione motorizzata su percorsi a fondo naturale una pratica intrinsecamente negativa.

Innanzitutto lo sport, e quindi anche quello legato a manifestazioni motoristiche fuoristrada, deve esercitarsi senza arrecare danni agli altri, alle proprietà e alle attività. I mezzi motorizzati che parteciperebbero a queste gare producono un forte rumore, disturbano e allontanano la fauna e gli animali al pascolo, e, nella migliore delle ipotesi, erodono i terreni e danneggiano prati e sentieri; noi della minoritaria corrente di pensiero, abbiamo un’idea decisamente diversa di come l’uomo possa vivere l’ambiente montano (e non solo) e soprattutto di come conciliare le attività sportive con la montagna.

Aggiungerei che la normativa attuale è restrittiva sulla carta, ma in pratica non funziona per mancanza di controlli. Sarebbe bene individuare percorsi per i fuoristrada, naturalmente escludendo le aree di interesse naturalistico, e rendere efficaci i controlli. Lo scarso deterrente delle sanzioni previste crea conflitti tra i diversi fruitori della montagna e causa notevole impatto nei confronti dell’ambiente. In ogni caso la possibilità di svolgere manifestazioni motoristiche è già prevista dalla normativa, e sinceramente pare difficile comprendere le motivazioni per un ulteriore deregolamentazione sul tema.

Infine reputo debole anche la motivazione economica addotta dai firmatari di questa proposta, che vedono in queste manifestazioni una potenziale fonte di reddito; credo piuttosto che la difesa di questi territori da fonti inquinanti, in tutti i sensi, crei i giusti presupposti per lo sviluppo economico di questi ambienti, attraverso la creazione di un’economia locale basate su forme di turismo e manifestazioni sportive più consapevoli, rispettose dell’ambiente e decisamente meno invasive e più proficue.

Ma quello che preoccupa maggiormente è che, ancora una volta, ciò che manca a questa maggioranza a guida leghista è una lettura complessiva di quello che vuole fare per il futuro della Lombardia. Si continua a procedere con modifiche spot, mentre sarebbe il momento che Maroni e soci di dicessero cosa intendono fare da grandi, facendola finita con l’inseguire le mode del momento o le sirene che arrivano dai territori, che possono anche essere importanti, ma che denunciano una inquietante mancanza di autonomia e programmazione.

 Scroll to top