campagna elettorale

Appello agli elettori lontani

cambiamentoE’ difficile domandare il voto a persone che non mi hanno appoggiato al primo turno, ma che neppure hanno appoggiato Tecla Fraschini. E’ difficile ma è doveroso che lo faccia, perché credo fermamente che questa città possa e voglia cambiare, credo che una gran parte dei cittadini non si senta rappresentata dal modo di fare politica e dall’amministrazione di Alessandrini né dalla “continuità” promessa da Tecla Fraschini. Continuità che significa portare avanti il medesimo assedio al territorio e al verde, stesse persone davanti e dietro le quinte, arroganza e opacità, il tutto condito da qualche intervento di qualità, insufficiente a compensare i danni.

Chi mi conosce sa che le ideologie non mi interessano, che credo in una politica superiore rispetto alle fratture tra destra e sinistra. E lo dimostra la lista civica che ho fondato, Segrate Nostra, che raccoglie persone di diversa storia politica, unite dall’unico interesse che è migliorare il luogo in cui vivono. E’ proprio nel rispetto dei valori delle persone, dei cittadini, ossia del civismo, che ho aderito al Patto Civico di Umberto Ambrosoli in Regione. Sono esperienze da cui ho molto imparato, e che leggo in continuità con la mia educazione cristiana e scout.

Non possiamo permetterci altri 5 anni così, abbiamo la possibilità di una alternativa nel nome di un modo nuovo di fare politica, della legalità, della trasparenza e, in definitiva, del cambiamento.

Per questo vi chiedo domenica prossima di andare a votare al ballottaggio e di esprimere la vostra preferenza per me: questa fiducia sarà ripagata dal cambiamento e dall’ascolto delle esigenze di ciascuno, anche le vostre, senza preconcetti. I seggi saranno aperti dalle 7 alle 23.

Se vi va: ci vediamo domani sera con Maria Elena Boschi e Umberto Ambrosoli!

Rush finale

boschiVenerdì 12 giugno, dalle ore 18.30 in Cascina Commenda: chiudiamo in bellezza la campagna elettorale. Insieme a molti amici, come Umberto Ambrosoli, Giorgio Gori, Alessandro Alfieri, ci sarà il ministro Maria Elena Boschi, ministro per le Riforme costituzionali.
Snoo molto felice che il ministro abbia deciso di venire a sostenere la nostra voglia di cambiamento, lei che di cambiamento si occupa, ogni giorno, in un delicato settore come quello delle riforme istituzionali.

Questa voglia di cambiamento, a Segrate, c’è e i risultati del primo turno lo hanno già dimostrato. Per questo la presenza del Ministro Boschi, cui vanno i miei ringraziamenti per l’opportunità che concede a tutta la cittadinanza, va in questa direzione, rappresentando in pieno questa volontà di voltare pagina e riportare cambiamento e trasparenza anche in città.

Vi aspetto numerosi!

Tecla Fraschini: confrontiamoci!

Ipaolo_teclal turno elettorale del 31 maggio scorso ha regalato a Segrate una grande novità: per la prima volta dal 1996 la maggioranza di centro destra è costretta al ballottaggio! Infatti il prossimo 14 giugno i segratesi torneranno alle urne per decidere chi governerà Segrate nei prossimi cinque anni scegliendo tra due soli nomi, il mio, candidato del centrosinistra, e quello di Tecla Fraschini, candidata del centrodestra.

Sarà una scelta non solo tra due persone ma anche sui loro programmi e su ciò che intendono fare al più presto e nel corso della legislatura.

Penso che i segratesi abbiano il diritto di essere ben informati sui programmi e le intenzioni dei partecipanti al ballottaggio per poter decidere con la maggior cognizione di causa. Per questo, secondo la migliore tradizione democratica d’ispirazione anglosassone, sono lieto di invitare Tecla Fraschini a confronti pubblici IN OGNI QUARTIERE di Segrate, gestiti secondo le regole del faccia a faccia da un giornalista o da altra autorevole figura.
Per iniziare, le propongo un luogo, una data, un nome:

Centro Civico di Milano 2
mercoledì 10 giugno
con Cristina Parodi a condurre il confronto.

Paolo Micheli
Candidato sindaco del centrosinistra

Ora sì è giunta l’ora di cambiare

uaIeri sera in Largo Carabinieri d’Italia a Segrate centro abbiamo tagliato il traguardo del viaggio in camper tra le frazioni, completando la quattordicesima tappa in vista delle elezioni comunali di questa domenica 31 maggio.

In occasione della festa di chiusura della campagna elettorale al mio fianco c’erano gli 84 aspiranti al consiglio comunale delle quattro liste e moltissimi amici, tra questi il meteorologo segratese Andrea Giuliacci, Eugenio Comincini, sindaco di Cernusco sul Naviglio e vicesindaco della Città Metropolitana, Patrizia Toia, europarlamentare del PD, la deputata Lia Quartapelle, Pietro Bussolati, segretario metropolitano del Partito Democratico e Umberto Ambrosoli, avvocato milanese e leader dell’opposizione in Regione e del Patto Civico.

Quando più di due mesi fa abbiamo deciso di partire per questo viaggio, quando abbiamo deciso di cambiare Segrate, di portare facce e sentimenti nuovi nella nostra città dopo vent’anni di amministrazione di centrodestra, abbiamo detto: “Faremo la più bella campagna elettorale mai vista a Segrate“. Adesso che siamo qui a concluderla, non tocca a noi dire se ci siamo riusciti, ma posso testimoniare che abbiamo incontrato e ascoltato tantissime persone innamorate di Segrate, respirando quella voglia di partecipazione addormentata da troppo tempo. Attraversando i quartieri abbiamo raccontato qual è la nostra visione presente e futura della città: attenta ai giovani, agli anziani e alle persone più deboli. Una città più sicura, dinamica, amica dell’ambiente, ghiotta di cultura e innovazione e che sappia aggregare le persone tramite lo sport, le scuole e l’associazionismo.

Fatemi dire grazie alla grande e stupenda squadra degli 84 candidati che mi ha sostenuto in questa candidatura, accompagnandomi in questa corsa e dandomi la sicurezza che potrò amministrare la mia città sorretto da persone affidabili, capaci, che vogliono bene a Segrate. Persone che hanno deciso con me che è giunta l’ora di cambiare.

Ora sì! Ora si può cambiare!

L’ultima tappa della campagna elettorale

camper

È tutto pronto per la serata di chiusura della campagna elettorale della nostra coalizione!

L’appuntamento è per domani, giovedì 28 maggio, alle ore 19 in piazza San Francesco a Segrate centro. Al mio fianco ci saranno Andrea Giuliacci, meteorologo segratese e moderatore dell’incontro, Umberto Ambrosoli, leader dell’opposizione in Regione, Patrizia Toia, europarlamentare del Partito Democratico, Eugenio Comincini, vicesindaco della Città Metropolitana, Pietro Bussolati, segretario metropolitano del PD, Lia Quartapelle, deputata del PD, i miei amici consiglieri regionali del Patto Civico Lucia Castellano, Roberto Bruni, Michele Busi e gli 84 candidati al consiglio comunale delle quattro liste che compongono la coalizione.

Intanto ieri sera a Rovagnasco, a oltre un mese dalla prima data, si è svolta l’undicesima e ultima tappa del viaggio in camper della coalizione tra i quartieri di Segrate. Insieme a me, per parlare di politiche giovanili e Città Metropolitana, c’era un gran bel poker di primi cittadini: Eugenio Comincini, sindaco di Cernusco sul Navigllio, Antonio Brescianini, sindaco di Vimodrone, Roberto Maviglia, sindaco di Cassano d’Adda e Michela Palestra, sindaco di Arese.

«Ma chi te lo fa fare?» è stata la domanda ricorrente che i quattro sindaci simpaticamente mi hanno rivolto dal momento che in caso di elezione dovrò rinunciare all’incarico di consigliere regionale. «Perché amministrare oggi una città è un impegno molto complicato – mi hanno raccontato-. Ci vogliono grande impegno, coraggio, dedizione e spirito di servizio fuori dal comune. Ma la realizzazione di progetti e idee per la propria comunità poi ripaga dei momenti difficili».

Parole d’ordine da parte di tutti e quattro i primi cittadini: ascolto, trasparenza e legalità. Tutte e tre ben presenti nel nostro dizionario politico. Oggi le persone chiedono agli amministratori che il Municipio diventi una casa di vetro senza segreti e sbarramenti all’ingresso. A Segrate bisogna ripartire da qui. E noi lo faremo.

Non è con le uova marce che si vince la battaglia dei contenuti

Voglio esprimere il mio dissenso su quanto è avvenuto ieri sera a Segrate nell’incontro organizzato dalla Lega: il lancio di uova e di vernice al segretario leghista non può sostituire il confronto civile sui progetti e le proposte concrete per Segrate sulle quali i nostri concittadini sono chiamati a scegliere.

Mi riferisco alle contestazioni contro il segretario leghista Matteo Salvini, addosso al quale un piccolo gruppo di giovani contestatori ha lanciato uova e vernice suscitando l’intervento delle forze dell’ordine al termine del comizio in Segrate centro, quando i manifestanti che lo contestavano hanno cercato di interrompere l’aperitivo elettorale.

Comprendo che l’insofferenza verso il costante linguaggio aggressivo e volgare del leader leghista abbia raggiunto ormai livelli di saturazione ingigantiti da un uso spregiudicato dei media.
Noi, invece, facciamo del confronto civico uno dei valori più importanti con cui vogliamo rigenerare la politica. Siamo convinti che non bisogna cadere nella trappola delle provocazioni.
Anzi, con lo spirito di tolleranza che deve caratterizzare il confronto politico dobbiamo riuscire a portare tutti – anche chi si contrappone a noi – all’abbassamento dei toni e alla civiltà del confronto sulle proposte: solo così i nostri concittadini potranno ritrovare la serenità per una scelta di cambiamento.
Un cambiamento di stile, di programmi, di opportunità per la nostra amministrazione che sarà la migliore risposta alle posizioni di chiusura e contrapposizione della Lega.

E’ il tempo del coraggio

ambrosoli-micheliUmberto Ambrosoli a Segrate per il gran finale della nostra campagna elettorale: è il tempo del coraggio.

Il camper della nostra coalizione sta affrontando gli ultimi chilometri del viaggio di ritorno nei quartieri in vista del traguardo delle elezioni comunali del 31 maggio.

Restano ancora tre tappe e il gran finale in centro. Questa sera a Novegro si parlerà di sicurezza (ore 21 al centro civico), giovedì 21 maggio a San Felice di scuola e istruzione (ore 21 al centro civico), mentre martedì 26 maggio a Rovagnasco l’argomento saranno i giovani e la Città metropolitana (ore 21 a Cascina Commenda).

Chiuderemo la nostra campagna elettorale giovedì 28 maggio in piazza San Francesco a Segrate centro (ore 19, in caso di maltempo al Palasegrate di via degli Alpini) con il mio amico Umberto Ambrosoli, leader dell’opposizione in Regione, Patrizia Toia, deputata al Parlamento Europeo, Pietro Bussolati, segretario del PD metropolitano e con gli altri consiglieri regionali del Patto Civico.

Continuiamo a incontrare i segratesi e parlare con loro degli argomenti che ci stanno più a cuore. Con Umberto Ambrosoli parleremo di coraggio, legalità e trasparenza. Don Abbondio nei Promessi Sposi diceva che il coraggio, se uno non ce l’ha, mica se lo può dare. Noi pensiamo, invece, che il coraggio può essere un esercizio quotidiano, non è l’atto solitario, ma la decisione di reagire, volendo recuperare e ritrovare un senso al vivere insieme di una comunità. E legalità e trasparenza saranno i cardini della nostra amministrazione.

Rimbocchiamoci le maniche

Segrate smart citySiamo in corsa. La mia coalizione è pronta: il nostro programma è on line. Guardatelo e diteci cosa ne pensate. Preparatevi ad approvarlo votando nella scheda elettorale una delle quattro liste che mi sostengono. Fatelo con entusiasmo. La mia coalizione è formata e sostenuta da bella gente, serena, pacifica, che si impegna per un mondo migliore. E’ la gente che mi aiuterà a diventare il sindaco di tutti, anche di quelli che non mi voteranno. Sarò il sindaco di tutta Segrate.

C’è un’intera città da completare, da migliorare, da rendere degna delle belle persone che la abitano. Per questo la nostra campagna elettorale è fatta di proposte:

TRASPARENZA negli atti dell’amministrazione, garanzia di onestà e rigore.
PARTECIPAZIONE dei cittadini conquistata attraverso informazioni e proposte.
BILANCIO comunale libero finalmente dal vincolo del pareggio attraverso gli oneri di urbanizzazione.
CASA, per consentire ai giovani un futuro abitativo e mantenere il valore delle proprietà.
AMBIENTE, da salvaguardare, migliorando la vivibilità, la raccolta differenziata, il monitoraggio dell’aria, dell’acqua, del rumore, del traffico.

Con le nostre proposte prendiamo le distanze dalla coalizione del sindaco uscente e sulle proposte lo sfidiamo anche quando non trova di meglio che insultare paragonandoci ai neri teppisti che hanno devastato Milano.
Scrivere che se vincerò io i black bloc devasteranno Segrate sarebbe divertente, tanto la “boutade” è grossa, se non fosse grave, detto da chi ha governato la città per dieci anni.
Dare del teppista a chi ha come principi l’onestà, la giustizia sociale, la solidarietà, la dignità e il rispetto per ogni essere umano non è solo risibile, è offensivo, insultante.
Al suo livore rispondiamo che uno di noi è il sindaco di Milano, che invece di insultare si è rimboccato le maniche per ripulire la sua città.
Questo noi vogliamo fare per Segrate: rimboccarci le maniche, fare bella la città. Senza insultare nessuno.

Le mie prime 30 idee per Segrate. E le 10 cose che mai farò.

ideaTrenta idee per Segrate. Una al giorno dal primo maggio fino al 30 maggio, giorno antecedente le elezioni comunali. Trenta messaggi scelti tra le righe del programma elettorale presentato dalla coalizione di centrosinistra che pubblicherò a mezzogiorno sulla mia pagina Facebook.

Ogni giorno, prima di pranzo, posterò una pillola del programma elettorale che potrà così essere digerito e letto da tutti. Grazie agli incontri che stiamo avendo con i cittadini nei quartieri, abbiamo arricchito il documento programmatico che presenteremo in municipio così come prevede la legge. Abbiamo fatto un grande lavoro con tutti i partiti e le liste della coalizione, siamo molto soddisfatti. All’interno c’è tutto quello che vogliamo fare per portare la nostra Segrate nel futuro. Naturalmente pubblicherò anche la versione integrale su questo blog, dividendolo per grandi temi in modo da renderlo più comprensibile e di facile lettura.

Oltre alla lista delle cose da fare ho anche ben presente quello che da sindaco non farò mai. Nasce così questo decalogo semiserio intitolato: “10 cose che non farò se sarò eletto sindaco“. Eccolo:

1. Non salterò una seduta di consiglio comunale facendo raccontare che «il sindaco stasera ha impegni più urgenti».
2. Non dirò mai: «È tutta colpa del TAR».
3. Non autorizzerò la pesca delle trote nel cantiere della Viabilità speciale.
4. Non userò i T-Red per fare cassa.
5. Non dimenticherò l’8 Marzo di fare gli auguri al 50% di donne assessori della mia giunta.
6. Non rinuncerò ad apprezzare le proposte intelligenti, anche se diverse dalle mie.
7. Non ascolterò gli architetti che disegnano rotonde a fagiolo.
8. Non rilascerò fiumi di concessioni edilizie agli amici e neppure ai parenti degli amici.
9. Non litigherò con tutti gli agenti della Polizia Locale fino ad arrivare allo sciopero, nemmeno se mi dovessero multare il camper.
10. Non spenderò un solo euro dei segratesi per chiedermi se esistono gli UFO e se siamo soli nell’universo.

😉

1 2  Scroll to top