occupazione

Con Matteo Renzi per la Cassanese bis

img-20160927-wa0041Stamattina ho accompagnato Matteo Renzi durante la sua visita al San Raffaele. E’ stata l’occasione per parlargli delle questioni più urgenti della nostra città e in particolare della Cassanese bis. La viabilità speciale è una grande occasione per la nostra città e la sua realizzazione libererà le maggiori aree residenziali di Segrate da gran parte del traffico di passaggio, ma i lavori non sono ancora iniziati a causa di incredibili lentezze e di ostacoli burocratici.

Il premier, che ha ben presente che lo sblocco della Cassanese bis farà decollare i lavori del mega centro commerciale Westfield Milan con il conseguente grande investimento privato in una opera enorme che porterà occupazione e sviluppo, mi ha riconfermato il suo appoggio e il suo interessamento.

L’incontro di stamattina con Renzi è solo l’ultimo di una serie ormai lunghissima di iniziative che abbiamo preso per sbloccare la Cassanese bis e conseguentemente i lavori del Westfield. Noi vogliamo che il grande impatto ambientale sul nostro territorio del Westfield si trasformi in benefici di occupazione e sia soprattutto l’occasione per uno sviluppo sostenibile della viabilità locale: Cassanese bis, nuova Stazione Ferroviaria, prolungamento della MM4, completamento della rete ciclabile cittadina in collegamento con Milano e gli altri comuni vicini.

Cooperazione agricola: una buona legge che sostiene reddito e occupazione, a tutela del territorio

image_1909
La cooperazione agricola è una caratteristica strutturale presente e importante nel nord Italia. E una legge che ne preveda il rafforzamento attraverso il sostegno al reddito agricolo e all’occupazione, in particolare quella giovanile, senza dimenticare la difesa del territorio, trova naturalmente tutto il nostro appoggio.

Risulta fondamentale adoperarsi affinché mantenga un significato economico quell’ambito di attività agricole che nelle nostre valli, nelle nostre montagne, nelle nostre aree fluviali presidiano il territorio: esse sono l’occhio e molto spesso anche il braccio di intervento preventivo contro frane, smottamenti, alluvioni e allagamenti.

E agevolare, come fa questa legge, aree di cooperazione che razionalizzano la raccolta, la distribuzione e la trasformazione dei prodotti agricoli significa sostenerne il valore e dare quindi fiato ad attività rilevanti anche dal punto di vista della tutela ambientale.

In tutto ciò, al fine di raggiungere dimensioni e competitività atte ai mercati globali, occorre promuovere aggregazioni di secondo grado e consorzi di cooperative. E vanno avviati anche processi di innovazione degli strumenti societari cooperativi per rispondere ai nuovi scenari socio-economici.

 Scroll to top