petizione

No al motocross libero sui sentieri: Patto Civico sostiene appello del Cai

trialUn appello per dire no al traffico motorizzato su sentieri e mulattiere, contro il progetto di legge sul motocross che martedì approderà in Aula. Lo ha lanciato il Cai e noi consiglieri regionali del Patto Civico lo abbiamo sottoscritto.

Questo provvedimento rappresenta il tentativo di deregolamentare il transito delle moto nelle zone campestri e di montagna, con pesanti conseguenze per sentieri e pascoli, con problemi di inquinamento ambientale e acustico e con l’evidente incompatibilità tra escursionismo e passaggio di ciclomotori.

Tutte le associazioni audite, da Legambiente al Wwf fino a Coldiretti, Fai e Federparchi, hanno criticato e smontato punto per punto il testo presentato dal centrodestra. E, paradossalmente, si è dichiarata più che dubbiosa persino la direzione generale dell’assessorato.

Anche perché il progetto introduce pure novità inaccettabili sulla definizione dei boschi, con il prevedibile rischio di un aumento del consumo di suolo.

Per questo motivo sosteniamo convintamente la petizione promossa dal Cai. E, martedì in Consiglio, proveremo a fare in modo che la maggioranza torni sui propri passi. Diversamente, voteremo contro l’ennesimo scempio inferto da questo centrodestra al nostro territorio.

Stazione di Segrate: partono insulti

Ezio_LazzariEzio Lazzari, assessore comunale al Territorio, è persona solitamente ammodo e cortese; stavolta si è proprio arrabbiato e mi ha coperto di insulti usando parole come “falsità“, “disonorevole“, “disonesto” e “gettando fangoin un comunicato che il sito istituzionale del Comune di Segrate il 31 gennaio ha riportato come titolo di testa, manco fosse l’annunzio di un allarme meteorologico.

L’argomento è la stazione di Segrate e il motivo del nervosismo di Lazzari è soprattutto l’ultimo post che ho pubblicato su questo blog nel quale ho riportato la risposta dell’assessore regionale alla mobilità, Maurizio Del Tenno, da me interpellato sui problemi della stazione segratese.

Come si può vedere nel post, l’assessore Del Tenno mi ha scritto:

Sulla scorta della sua segnalazione gli uffici dell’Assessorato hanno acquisito informazioni presso Rete Ferroviaria Italiana che ha comunicato di aver recentemente eseguito interventi di cablaggio finalizzati all’istallazione di obliteratrici… oltre a lavori relativi all’istallazione di apparecchiature di videosorveglianza“.

Il mio commento è stato:

La segnalazione che ho inoltrato agli uffici regionali per conto dei cittadini, ha mosso qualcosa. Dalla parte delle società ferroviarie stanno arrivando le prime risposte, ora attendiamo quelle del Comune“.

Tutto qui.

Lazzari dandomi del disonesto replica che né io né la Regione abbiamo meriti in quanto era stato il Comune a chiedere un anno fa a RFI di installare un sistema di videosorveglianza e che a breve le telecamere attive alla stazione saranno collegate direttamente alla centrale operativa del Comando della Polizia Locale.

Penso che agli utenti della stazione questi battibecchi interessino poco.

Quello che vogliono è una stazione ben servita, pulita, illuminata, con un piazzale decoroso.

Oggi tutto ciò non c’è.

A Lazzari rispondo:

“Caro Assessore, oltre che alla Regione ovviamente avevo rivolto una interrogazione sul degrado della stazione di Segrate anche al suo assessorato. La risposta, a firma del Sindaco, è stata letta da lei stesso nel Consiglio comunale del 9 dicembre scorso. Non mi sembra, in quella occasione, di aver sentito parlare di videosorveglianza, di richieste del Comune, di prossimo collegamento alla centrale operativa della PL.

Mi sono quindi basato sulla più esaustiva risposta del suo collega regionale Del Tenno, al quale ho fatto due giorni fa un’altra proposta che verrà discussa in Consiglio Regionale martedì 3.

Con una interrogazione gli ho suggerito di migliorare i servizi di Trenord ricorrendo a sponsor, sull’esempio di quello che accade nella Metropolitana Milanese e in molte città europee.

Cordialmente.

Paolo Micheli”

Stazione di Segrate, attivata la videosorveglianza

stazioneLo scorso novembre ho cercato di accendere i riflettori sulla situazione di degrado della stazione ferroviaria di Segrate, utilizzata ogni giorno da centinaia di pendolari dell’Est Milano, denunciando tramite un’interrogazione lo stato d’abbandono e incuria di tutta l’area, stazione e piazzale antistante. Ora, dopo questo primo input, qualcosa pare essersi mosso.

A rispondermi è stato nei giorni scorsi l‘assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità Maurizio Del Tenno.

L’assessore nella sua risposta ha chiaramente messo nero su bianco le responsabilità di Rfi, Trenord e del Comune di Segrate. In particolare ha ribadito che al Comune spetta l’attività di manutenzione e sistemazione del piazzale, nonché quella relativa al parcheggio. Lo sapevamo già, ma questa ennesima conferma dà ancor più vigore alle richieste della cittadinanza, formulate alla giunta Alessandrini anche tramite una petizione on line che ha raccolto più di 850 firme, di interventi certi e immediati per rendere questo luogo più fruibile e sicuro. È finito il tempo di giocare allo scaricabarile.

Nella risposta dell’assessore Del Tenno arriva anche la rassicurazione che Trenord ha cablato e sistemato le obliteratrici e che ha provveduto a installare apparecchiature di videosorveglianza nei pressi dei binari, sugli scivoli e nel sottopasso.

La segnalazione che ho inoltrato agli uffici regionali per conto dei cittadini, ha mosso qualcosa. Dalla parte delle società ferroviarie stanno arrivando le prime risposte, ora attendiamo quelle del Comune.

La risposta arrivata dalla Regione:

1pagina_deltenno2pagina_deltenno

Salviamo la stazione di Segrate

stazione_segrate

Da settimane abbiamo riproposta con forza il problema della stazione di Segrate, utilizzata da molti segratesi ma del tutto carente di servizi: il parcheggio è insufficiente e nei giorni feriali si rischia di non trovare posto, niente biglietteria, niente servizi igienici, l’illuminazione è carente e alla sera l’ambiente è tutt’altro che rassicurante. Da anni (la stazione è attiva da fine 2004) l’area della stazione è un cantiere incompiuto e le 175 famiglie che abitano i palazzi del Segrate Village vivono una situazione di evidente precarietà.

Tutto questo nonostante che le linee programmatiche 2010-2015 del sindaco indichino al punto 3. “Segrate si muove sempre più veloce” come obiettivo di mandato “per una mobilità sempre più moderna e veloce” la riqualificazione della stazione ferroviaria perché diventi “il fulcro del sistema di trasporto cittadino“.

L’interrogazione che abbiamo presentato al sindaco ha avuto una risposta insoddisfacente: la colpa è della crisi edilizia e dell’impresa costruttrice che non rispetta gli impegni.
Io stesso ho portato il problema in Regione (le linee suburbane che si fermano a Segrate sono gestite da Trenord, una compartecipata della Regione Lombardia) perché si intervenga almeno sulle banchine e sui servizi ferroviari.

Ma l’inerzia dell’Amministrazione Comunale è inaccettabile! Per questo lanciamo una raccolta di firme on line “Salviamo la stazione di Segrate” per costringere le istituzioni ad occuparsi finalmente seriamente del problema.

Per aderire e sottoscrivere: http://www.change.org/it/petizioni/sindaco-adriano-alessandrini-e-amministrazione-comunale-di-segrate-salviamo-la-stazione-ferroviaria-di-segrate

Presidente Prodi, io ti chiedo scusa

Romano_ProdiUn mese fa, il 18 aprile, oltre cento parlamentari del PD decisero di non votare Romano Prodi Presidente della Repubblica, nonostante lo avessero acclamato candidato migliore possibile, senza eccezioni, poche ore prima.

Non sappiamo e forse non sapremo mai quale sia stato il ventaglio di motivazioni che hanno portato un quarto dei grandi elettori del PD a scrivere, invece che quello Prodi, i nomi di Rodotà, Cancellieri, D’Alema…

Probabilmente molti di loro hanno ritenuto di fare una intelligente o furba operazione politica, di sostenere un loro interesse o l’interesse di un loro gruppo di riferimento. Qualcuno avrà anche ritenuto di agire nell’interesse dello Stato.

Il risultato è stata l’esultanza dei parlamentari del PDL ed un danno al PD e al centrosinistra che ci vorrà molto tempo a rimediare.

Nessuno o quasi di loro, fino ad oggi, ha pensato bene di rivelarsi e giustificarsi. Nessuno di loro soprattutto ha pensato bene di chiedere scusa.

Chiedere scusa agli elettori del PD, quelli che a milioni erano andati a votare alle primarie e alla parlamentarie, sicuri di contribuire così a dar luogo ad una rappresentanza parlamentare nella quale potersi riconoscere con orgoglio.

Chiedere scusa alle migliaia di iscritti al PD, quelli che hanno creduto nel partito, quelli che con opera volontaria fanno vivere le sezioni in tutta Italia, quelli che avviliti se ne sono andati e a quelli che comunque sono rimasti perché la sinistra italiana tante volte ha subito sconfitte ma mai si è arresa.

Chiedere scusa soprattutto a Romano Prodi, padre fondatore di questo PD, l’unico che sia riuscito a sconfiggere il centrodestra, italiano assunto alla carica di Presidente della Commissione Europea, coinvolto da importanti istituzioni internazionali per le capacità e la statura morale e politica, personalità rispettata e che gode della fiducia delle Cancellerie internazionali, l’uomo che per storia, meriti, personalità può certamente essere definito il più grande statista italiano degli ultimi vent’anni ed uno dei più grandi della storia repubblicana.

Nessuno di loro gli ha chiesto scusa.

Ora quindi lo facciamo noi, a nome e per conto loro, per conto degli anonimi che lo hanno pubblicamente umiliato.

Gli chiediamo scusa e gli chiediamo di restare con noi.

Le voci sempre più ricorrenti di un suo definitivo allontanamento dal PD – frutto anche ma non solo della grande delusione per il tradimento nel voto presidenziale – devono far preoccupare ogni Democratico che crede ancora nel progetto originario di questo grande partito popolare e riformista, nato dalla straordinaria esperienza dell’Ulivo che Prodi stesso ha piantato nell’esperienza politica italiana. Abbiamo ancora bisogno della sua presenza, della sua adesione a questo progetto che non si è mai completato e non ha mai raggiunto gli obiettivi che il Prodi stesso aveva prefissato.

Se il professore resterà con noi, sarà più facile per il PD e il centrosinistra riprendersi – ancora una volta – dalla sconfitta morale, dal calo dei consensi, dal rammarico che danno i sondaggi secondo i quali il centrodestra ha recuperato tutti i suoi elettori, dimentichi degli errori e delle responsabilità di chi, governando l’Italia quasi interrottamente in questo nuovo secolo, ha la maggior responsabilità della situazione nella quale ci troviamo. Abbiamo ancora bisogno di averlo e sentirlo al nostro fianco, per dare al PD quel ruolo e quella forma che lui ha pensato fin dall’origine di questo straordinario progetto politico.

Scriviamogli:

Presidente Prodi, io ti chiedo scusa e ti chiedo di restare“.

Firma l’appello su Change.org!

 Scroll to top