provincia

Salviamo le bliblioteche lombarde

bibliotecaLa Commissione cultura e istruzione ieri è stata scossa dall’appello fatto dagli operatori delle biblioteche: è emerso in tutta la sua gravità il problema del futuro dei sistemi bibliotecari regionali.

Gli operatori hanno sottolineato come sia mancata in questi anni l’interlocuzione con la Regione per pensare insieme le prospettive di questo servizio, unanimemente riconosciuto come di qualità. E’ apparsa evidente inoltre la poca chiarezza nel rapporto tra Regione e Province.

A partire dal triennio 2010-2012 i contributi regionali erogati alle Province come trasferimenti vincolati, sono stati ‘fiscalizzati’, cioè sono stati versati come anticipo sui trasferimenti provinciali per i bolli auto. Tuttavia, molte Province hanno destinato al altri servizi questi fondi o hanno ritardato il versamento ai sistemi bibliotecari.

L’incertezza sul futuro delle province è diventato così l’alibi per dilatare i tempi di un sostegno concreto alle biblioteche. Dagli operatori è emerso il richiamo alla Regione per una maggiore collaborazione nel riprogettare un futuro di questo servizio che comunque, nel panorama nazionale, è tra i più efficienti.

In questo senso i sistemi bibliotecari si stanno muovendo anche esplorando con le Istituzioni locali possibili percorsi di autonomia. Ma nulla è possibile se la Regione resta passivamente a guardare o, ancora peggio, scarica le responsabilità – come ieri ha fatto l’assessore Cappellini giustificando il tutto con i minori trasferimenti da Roma.

In queste condizioni i Consiglieri del Patto Civico Ambrosoli condividono la forte preoccupazione degli operatori per il futuro dei sistemi bibliotecari in Lombardia e assicurano il loro impegno affinchè venga riconosciuta l’importanza del ruolo di questi sistemi all’interno del piano triennale della Giunta Maroni.

Convegno sulla montagna

Dopo le riflessioni fatte insieme ad alcuni Sindaci dell’arco alpino, questa tavola è l’occasione per fare il punto sulle politiche di riorganizzazione del territorio: dalla fusione dei piccoli Comuni, alla abolizione delle Province, alla costituzione di un’area trasnazionale delle Alpi.

Venerdì 18 ottobre dalle 11.00 alle 13.00, presso la Sala Gonfalone, Palazzo Pirelli, via Fabio Filzi 22, Milano.

montagna

 Scroll to top