Shoa

La memoria non è fondata sulla pietra, ma è fondata sulle persone

memoriaTra le storie, tra i racconti di famiglia che mi racconta mio papà, ce n’è una che riguarda un’altra famiglia; erano inquilini dei miei nonni negli anni cinquanta e sessanta. Il capofamiglia era un uomo piuttosto piccolo, sempre silenzioso; se ricordo bene il suo cognome era Della Bianca.

Sembrava una persona qualsiasi, lavorava, aveva moglie e figli ma era guardato con un grande rispetto perché era stato un deportato nei campi di concentramento nazisti perché ebreo.

A differenza di tanti, tantissimi altri, a differenza della grande maggioranza degli uomini e donne deportati perché ebrei, o zingari o omosessuali o per altri motivi, lui, il signor Della Bianca era tornato, con il suo carico di ricordi orribili.

Nei racconti della mia famiglia questo è un episodio piccolo, che rischia di essere dimenticato.

Ma c’è la Giornata della Memoria, ad aiutarci a ricordare l’orrore che solo settant’anni fa ha percorso l’Europa, ha percorso anche l’Italia.

Il significato di questa giornata dedicata alla Shoa è che non si deve dimenticare, perché, come disse Primo Levi, la memoria non è fondata sulla pietra ma è fondata sulle persone, sulla loro buona volontà.

Questa giornata, le bellissime mostre organizzate dall’amministrazione in questi giorni a Segrate, la presenza di tante persone sono state una gran bella risposta.

Grazie a tutti!

 Scroll to top