Un bilancio fortemente drogato

consiglioQuello approvato ieri sera in Consiglio Comunale è un bilancio di previsione fortemente drogato dai proventi che difficilmente quest’anno arriveranno dal Westfield Milan e costruito come sempre sulle entrate dal mattone.

E’ inevitabile essere fortemente critici nei confronti del documento programmatico che ieri sera ha avuto dalla maggioranza di centrodestra che sostiene il sindaco Alessandrini un faticoso benestare con uno scarto minimo di voti e senza una maggioranza qualificata.

Ho chiesto con forza al sindaco di non prendere più nessuna decisione riguardo l’uso del territorio, rimandando tutto a dopo le elezioni e alla nuova amministrazione portando avanti solo l’ordinario.

Non importa se il prossimo Sindaco sarò io o qualcun altro: chiunque sarà non c’è motivo perché debba trovarsi a ereditare delle importanti situazioni portate avanti adesso, in questo scorcio di fine legislatura. Quello che ho chiesto è un segnale di rispetto verso la prossima amministrazione, un segnale facile dare: non sarà certo qualche atto preso frettolosamente in questi giorni che cambierà il giudizio dei cittadini rispetto a questo governo locale e alle formazioni politiche che oggi lo esprimono.

Porre in bilancio gli oneri di urbanizzazione del megacentro commerciale Westfield, 24 milioni, come se tutto fosse a posto, come se mancasse solo qualche firma, come quindi solo se l’importante non fosse quello che il centro commerciale più grande d’Europa provocherà nel bene e nel male alla nostra città, mi ha veramente indignato. Nessuna visibile preoccupazione per gli aspetti ambientali: quello che conta è mettere al più presto in cassa la pentola d’oro trovata alla fine dell’arcobaleno per poter dire: tutto è a posto, tutto è in ordine, niente più Tasi e bilancio senza debiti.

Inoltre nonostante lo sbandierato azzeramento pre-elettorale della Tasi la pressione fiscale non diminuisce. Basta guardare il totale delle imposte che passa da 19milioni 110mila euro a 20 milioni 130mila euro. Ovvero un milione e 20mila euro in più. Poi ci sono le presunte entrate per oneri di costruzione, in totale 33milioni e 661mila euro di cui 2 milioni e 500mila euro destinati a finanziare la spesa corrente. Ancora un volta un bilancio costruito sul mattone.

No, così non va, mi auguro che gli elettori segratesi tra qualche settimana chiedano un deciso cambiamento e io spero di poterne essere il protagonista.

2 Responses to Un bilancio fortemente drogato
  1. Emilio Rispondi

    Bravo Paolo

  2. […] La Gazzetta della Martesana riprende l’allarme che ho lanciato su questo blog. […]... paolomicheli.it/inseriti-a-bilancio-soldi-che-ancora-non-ci-sono

Lascia un commento

Your email address will not be published. Please enter your name, email and a comment.